Tecnologia e Trasformazione dell’Arte Moderna

Come la tecnologia sta radicalmente cambiando l'espressione artistica. E viceversa

21 maggio 2019
17:30 - 20:00
 
Via Ugo Bassi 7
Bologna
 
Art
 

L'EVENTO

Che la tecnologia abbia radicalmente cambiato le condizioni di vita dell'uomo è cosa nota. Meno noto è che spesso ha generato profonde modifiche anche nell'espressione artistica. Ciò è particolarmente evidente nell'arte moderna. Negli anni Cinquanta, il fisico e romanziere Charles Snow dichiarò che Arte e Scienza soffrono di reciproca incomprensione, sancendo una vera e propria suddivisione in due culture distinte che, ai più, apparve subito problematica se non addirittura erronea. La creatività è infatti alla base di entrambe queste "culture" che, oltretutto, in tanti casi hanno dimostrato di potersi arricchire a vicenda.

Riprendere quanto affermato da Show, analizzarne i contenuti e rimetterne in discussione le fondamenta alla luce delle evidenze della storia appare quindi oggi, in quest'epoca accellerata e caratterizzata da paure e incertezze anche culturali, più urgente e necessario che mai. Ed è sull'onda lunga di questa necessità che è nato questo convegno, organizzato da ASSPECT – Associazione per la Promozione della Cultura Tecnica in collaborazione con Cenacolo Bolognese di Cultura e Società, Associazione Musica e Arte e Circolo culturale Galileo Galilei. L'obiettivo dell'evento è far emergere le molteplici connessioni esistenti fra cultura umanistica e tecnica, anche con esempi concreti, al fine di stimolare nei partecipanti una serie di riflessioni più approfondite sul tema.

Oggi lo studio sistematico di questo argomento è infatti affrontato in numerosi Centri Interdisciplinari Universitari. Ne è un esempio lampante il nuovo Istituto di Arte e Scienza voluto dalla tedesca Max Plank Gesellschaft. Tuttavia non è solo il mondo accademico ad aver rivelato questa stretta interconnesione tra Arte e Scienza. Grandi pittori, come Kandinsky e Mondrian, avevano già intuito che la nostra percezione visiva non è una semplice finestra sul mondo, bensì un processo mentale molto più complesso, come confermato dalle neuroscienze. E l'affermarsi della fotografia come Arte non ha fatto altro che ribadire questo concetto, mettendo in crisi la rappresentazione figurativa e aprendo la strada ad altre tecnologie che, con il passare del tempo, hanno dato vita ad opere frutto di una vera e propria simbiosi creativa fra ingegno e intuizione, competenze artistiche e capacità tecniche. E oggi? Con la tecnologia che pervade ogni aspetto della nostra esistenza, possiamo ancora parlare di due culture distinte? E se no, in che modo si stanno influenzando a vicenda?


A CHI È RIVOLTO?

Il convegno è riservato a tutti gli appassionati di arte e tecnologia. L'ingresso è gratuito e libero fino all'esaurimento dei posti disponibili.

Speaker

Riccardo
Cenerini

Docente e Libero professionista nel settore dell’Ingegneria Ambientale

Laureato in Ingegneria, Riccardo Cenerini è Consulente in Ingegneria Ambientale e, attualmente, anche Docente presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Bologna. Dopo la specializzazione in Ingegneria Nucleare, è stato assunto come ricercatore dalla Euratom per poi diventare Direttore Tecnico e successivamente Direttore Generale dell’AMIU Bologna, ora confluita in HERA. In tale veste, oltre alla attività di management, ha seguito il progetto, la direzione lavori e la gestione dell’impianto sia di termovalorizzazione dei rifiuti sia di depurazione delle acque di scarico di Bologna e dei Comuni del Comprensorio. Riccardo Cenerini è stato inoltre sia Direttore Generale dell’ASM SpA Terni (nei panni del quale ha seguito la direzione lavori e la costruzione della Centrale Idroelettrica di Alviano sul Tevere), sia Direttore Generale della CSA SpA di Spoleto (gestione RSU), ora confluita in VUS.

A CURA DI

ASSPECT

Promozione della Cultura Tecnica

ASSPECT – Associazione per la Promozione della Cultura Tecnica ha lo scopo di riaffermare il valore primario della Cultura Tecnica, promuoverne il riconoscimento e la diffusione e opererà in particolare per diffondere, tra gli studenti delle scuole secondarie, l’interesse nelle discipline tecnico-scientifiche; facilitare l'inserimento nel mondo dell'industria di tecnici neolaureati e neodiplomati e di migliorare l'interscambio tra le Università dell'Emilia-Romagna e l'industria, in relazione alle specificità del contesto.

Sponsor